L'orrore delle leggi razziali nella scuola

Ufficio Stampa 24.01.2023 12:57
Vai a:   articolo principale       

Settembre 1938: le leggi razziali fasciste irrompono nella scuola. Sanciscono l’esclusione di persone di razza ebraica dall’ufficio di insegnante nelle scuole statali o parastatali di qualsiasi ordine e grado, dall’assistentato universitario e dal conseguimento della libera docenza; vietano l’iscrizione alle scuole di qualsiasi ordine e grado agli alunni di “razza ebraica”, pur permettendo agli studenti universitari ebrei, già iscritti nei passati anni accademici, di proseguire gli studi.

In occasione della “Giornata della Memoria” e su iniziativa della presidenza del consiglio di Pietrasanta, l’atrio del palazzo comunale accoglierà, fino al 1° febbraio, la mostra “1938 – Il banco vuoto – Le leggi razziali nella scuola in provincia di Lucca”. L’esposizione, a cura di Silvia Quintilia Angelini, è stata realizzata dall’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Lucca, in collaborazione con la Scuola per la Pace lucchese e sarà inaugurata giovedì 26 gennaio alle 10: “Abbiamo il dovere, istituzionale e umano, di coltivare la memoria come una pianta preziosa – ha dichiarato la presidente del consiglio comunale, Paola Brizzolari – perché solo dall'albero della memoria possono nascere quei frutti che ci permetteranno di costruire il futuro con responsabilità e consapevolezza, diventando custodi e testimoni dei valori che danno all'uomo la dignità e la maturità per non ripetere i gravi errori del passato”.

I disegni di Franco Anichini e le grafiche di Michele Paoli racconteranno ai visitatori le tappe che segnarono l’applicazione dei “Provvedimenti per la difesa della razza” nella scuola in provincia di Lucca, ricostruendo anche la storia della sezione speciale di scuola elementare per ebrei che aprì a Viareggio dal ‘40 al ‘43. Alla cerimonia di inaugurazione parteciperanno gli studenti della scuola media “Barsanti”, accompagnati dalla professoressa Rovai; relatori della giornata saranno il professor Stefano Bucciarelli, rappresentante dell’Isrec e il presidente di Anpi Pietrasanta Giovanni Cipollini, oltre alla curatrice della mostra e alle rappresentanze istituzionali.

L’esposizione sarà visitabile gratuitamente tutte le mattine da lunedì a venerdì, in orario 9-13. Ulteriori informazioni allo 0584 795218 oppure all’indirizzo di posta elettronica presidente.consiglio@comune.pietrasanta.lu.it