Balneazione vietata davanti alla Bussola

Ufficio Stampa 03.07.2024 10:15
Vai a:   articolo principale       

Divieto di balneazione nello specchio acqueo antistante lo stabilimento balneare “La Bussola”, in località Focette, fino ad avvenuto ripristino, da parte del concessionario, delle condizioni di sicurezza per gli utenti della spiaggia: lo dispone l’ordinanza firmata dal sindaco di Pietrasanta, Alberto Stefano Giovannetti che, a fronte della temporanea mancanza del servizio di salvataggio nel tratto di arenile interessato, abbandonato e al centro di ben note vicende giudiziarie, ha deciso in via precauzionale di vietare l’ingresso in acqua con un atto formale, “a maggior tutela dei cittadini e a loro protezione dai pericoli che possano derivare dall'attività di balneazione non assistita”, recita il documento.

“A giugno – ricorda il sindaco – avevamo installato, nell’area demaniale della Bussola, una cartellonistica in più lingue per indicare l’assenza del servizio di assistenza alla balneazione, provvedendo anche a issare anche la bandiera rossa come segnale di mare pericoloso. Visto, però, l’avanzare della stagione che porta a una frequentazione sempre maggiore delle nostre spiagge e i tempi che sono comunque necessari, nonostante le rassicurazioni ricevute dai titolari della concessione, ho deciso di emanare questo ulteriore provvedimento con efficacia immediata”.

L’ordinanza è stata quindi trasmessa alle forze di polizia, ai carabinieri e al Consorzio Mare Versilia; nella stessa viene indicato anche che, in data 2 luglio, è stato comunicato al concessionario l’avvio del procedimento volto alla decadenza della concessione, come atto conseguente all’accertamento dell’assenza obbligatoria del servizio di salvataggio, ai sensi delle norme contenute nel Codice della Navigazione. “Un atto dovuto a termini di legge – conclude Giovannetti – ma che sicuramente avrà una risoluzione veloce e positiva, visto l’impegno concreto mostrato in tal senso dai rappresentanti della Chantal Srl nel nostro ultimo incontro”. Il titolare della concessione avrà 15 giorni di tempo per presentare le proprie deduzioni.