Barriere Architettoniche: è la “Notte Viola”, il Municipio si illumina per i 100 anni dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti

Stampa, 3 lug 13:47 ·
Vai a:   articolo principale       

Pietrasanta aderisce alla Notte Viole per festeggiare i 100 anni dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti compie 100 anni. Il Municipio di Pietrasanta si illuminerà, per tutto il weekend, a partire da sabato 3 luglio, del colore viola nell’anno del centenario dell’associazione senza scopo di lucro che da sempre si occupa di portare la tematica della disabilità visiva all’interesse pubblico e favorire una presa di coscienza sempre più profonda e concreta per tutti.

L’associazione fa parte della Consulta del Volontariato di Pietrasanta. Fondata a Genova il 26 ottobre 1920 da Aurelio Nicolodi, un giovane ufficiale trentino che aveva perduto la vista durante la prima guerra mondiale e che, dopo essersi visto negare il diritto a poter lavorare, iniziò ad avviare un percorso di consapevolezza e solidarietà tra i ciechi affinché si unissero in un senso comune di rappresentanza. Da allora l’Unione persegue l’obiettivo di contribuire alla creazione di una società inclusiva che garantisca dignità e uguaglianza a tutti i cittadini ciechi e ipovedenti. Il Centenario vuole essere innanzitutto un’occasione per condividere i valori di dignità, inclusione e uguaglianza, alla base dell’impegno dell’UICI che nell’arco di un secolo ha promosso il processo di emancipazione delle persone con disabilità visiva, grazie a una panoramica sulle eccellenze nazionali in termini di strumenti, servizi, progetti e buone prassi nel campo dell’istruzione, del lavoro, della mobilità e dell’indipendenza, con una particolare attenzione ai progressi delle nuove tecnologie e alla pluridisabilità. L’evento vuole stimolare una riflessione su quanto ancora resta da fare per creare una società senza barriere, con una reale integrazione tra tutti i cittadini, fino a tracciare nuove sfide future da affrontare con logiche più moderne e competenze sempre più specializzate.

“Con grande piacere e con grande convinzione – spiega Andrea Cosci, assessore all’associazionismo – abbiamo aderito a questa campagna di sensibilizzazione. La nostra amministrazione è fortemente impegnata nell’abbattimento di ogni forma di barriera architettonica. Insieme all’associazione ciechi ed ipovedenti, e alla nostra Consulta del Volontariata presieduta da Andrea Galeotti, stiamo lavorando per rendere il parco della Versiliana accessibile ai non vedenti attraverso un percorso speciale. L’emergenza sanitaria ha spostato questo obiettivo al prossimo anno ma non lo ha certo fermato. Grazie all’associazione per averci voluto coinvolgere in questa bella iniziativa per il centenario”.