Archeologia: il saccheggio del museo di Bagdad tra spionaggio e guerre in Medio Oriente, se ne parla con prof. Stefano De Martino a “Le notti dell'Archeologia”

Stampa, 28 lug 13:50 ·
Vai a:   articolo principale       

Il saccheggio del museo di Bagdad ed il suo riallestimento nel 2003 tra spionaggio e guerre in Medioriente. Se ne parla mercoledì 29 luglio, alle ore 21.30, nel Chiostro di S. Agostino in occasione del secondo dei tre eventi con “Le Notti dell’Archeologia” con il professor Stefano De Martino, docente di ittotologia all’Università di Torino e Direttore scientifico del Centro Ricerche Archeologiche e Scavi di Torino per il Medio Oriente e l’Asia che opera per la tutela e valorizzazione del patrimonio culturale in Asia e particolarmente in Iraq, Iran, Turkmenistan e Mongolia. Insieme al collega Carlo Lippolis cura i lavori di riallestimento delle sale monumentali dell’Iraq Museum di Baghdad dopo il saccheggio che questo museo ha subito nel 2003.

La rassegna è promossa dalla Regione Toscana ed organizzata dal Comune di Pietrasanta insieme a Pietrasanta Musei con l’obiettivo di favorire la conoscenza del patrimonio custodito all’interno del museo cittadino ospitato a piano terra di Palazzo Moroni, in Piazza Duomo, intitolato a Bruno Antonucci, che in occasione degli resterà aperto dalle 20.30 alle 24.00 con ingresso libero.

Chiude la rassegna giovedì 30 luglio (ore 21.30) l’incontro dal titolo “Il cibo degli Dei. Il miele tra archeologia e gusto” dedicato al mondo del miele e al secolare rapporto che lega uomini e api, in un percorso tra archeologia, antiche e moderne tecniche di estrazione e lavorazione con la partecipazione degli archeologi Francesca Lemmi e Francesco Varallo. Dopo la conferenza a tutti i partecipanti sarà offerta una degustazione di diversi tipi di miele e del Miele in Culla a cura dell’azienda La Corte delle Regine (Nugola, LI).

Tutte le iniziative sono ad ingresso gratuito ed è gradita la prenotazione al 0584.795500 o via istituti.culturali@comune.pietrasanta.lu.it