Cultura: l’Endimione di Claudio Damiani vince 64esimo Premio Carducci, la grande poesia trionfa in Piazza Duomo

Stampa, 28 lug 12:24 ·
Vai a:   articolo principale       

Claudio Damiani vince la 64esima edizione del Premio di Poesia Carducci. La proclamazione del vincitore dello storico concorso per la poesia edita italiana si tiene ogni anno nel giorno di nascita di Giosuè Carducci che a Pietrasanta, nella frazione collinare di Valdicastello, è nato il 27 luglio del 1835. La sua casa natale è oggi un museo molto visitato. L’autore di Endimione (Interno Poesia) è stato premiato in occasione della serata evento in Piazza Duomo, la piazza più bella e famosa della Piccola Atene di fronte ad un pubblico numerosissimo nel rispetto delle distanze e delle normative anti-Covid, dal sindaco, Alberto Stefano Giovannetti e dal presidente del premio letterario, Ilaria Cipriani. A contendersi sino alla fine il premio più ambito (4.500 euro in denaro), assegnato nel corso della sua lunga storia ai più importanti poeti italiani, sono stati Alessandro Ceni con 77 (Edizioni Helicon) ed Emilio Rentocchini con 44 ottave (Book Editore). A tutti e tre i finalisti è stato assegnato un premio di 1.500 euro ciascuno. “Quella di Claudio Damiani è una delle voci più riconoscibili della nostra poesia degli ultimi anni. – così motiva la scelta la giuria composta dal Presidente Ilaria Cipriani, Silvia Bre, Stefano Dal Bianco, Umberto Fiori e Antonio Riccardi - Centrale, in questo e in altri libri di Damiani, è l’accettazione eroica della nostra condizione umana, dei nostri limiti, della nostra mortalità. Della vita, Endimione ci trasmette il senso della precarietà, ma anche della sua assolutezza, della sua luminosa incomprensibilità, che si impone e va accettata. Una poesia che ha il coraggio di misurarsi con i grandi temi che ci inquietano e di trattarli frontalmente, senza trucchi e senza schermi”.

Promosso dal Comune di Pietrasanta, il Premio Carducci è uno degli eventi di punta del ricco calendario culturale a cui l’amministrazione di Alberto Stefano Giovannetti non ha voluto assolutamente rinunciare. “Questa edizione del premio - ha detto il primo cittadino – ha un significato speciale per tutti noi. Pietrasanta ha dimostrato, anche in questa circostanza, lungimiranza e coraggio nel volere mantenere intatta la sua programmazione di eventi estivi a sostegno del territorio, delle imprese e del nostro sistema turistico e culturale. Un coraggio che oggi, stasera, premia tutti quanti”.

A fianco della poesia edita hanno debuttato anche i poeti amatori che avevano partecipato al contest #Pietrasantanoicisiamo lanciato durante il lockdown. Tre i poeti selezionati che hanno avuto l’onore di leggere le loro poesie di fronte al pubblico di Piazza Duomo: Manuela Ester Cordova, Nicola Ghimenti e Luca Viviani. Una formula, quella del contest web, che gli organizzatori intendono riproporre nuovamente insieme al premio per la poesia dei ragazzi che quest’anno, causa pandemia, è stato annullato. La bellissima e travolgente danza di Emox Balletto e l’elegante lirica del Duo Ottocorde sullo sfondo illuminato del Sagrato del Duomo e delle sculture tatuate di Fabio Viale hanno regalato alla serata una dimensione onirica e piacevole. “Pietrasanta – ha concluso il presidente del Premio, Cipriani – ama la poesia e la poesia ama Pietrasanta”.