Ambiente: 50 utenze di Capezzano Monte ancora non connesse fognature pubblica, comune pronto ad ordinanza di obbligo allacciamento

Stampa, 21 ago 09:02 ·
Vai a:   articolo principale       

Sono una cinquantina, secondo il recente censimento richiesto dal Comune di Pietrasanta a Gaia Spa, le utenze non ancora allacciate alla rete fognaria tra Costamagra e via Rebuto Riccio. Si tratta di residenze stabili e seconde case che non risultano ancora collegata alla rete fognaria pubblica di servizio ragione per cui l’amministrazione comunale di Alberto Stefano Giovannetti provvederà a pubblicare un’ordinanza di obbligo di allacciamento.

“Il censimento di Gaia – spiega il primo cittadino – ci ha permesso di avere un quadro puntuale delle abitazioni ancora non collegate ed anche un piano di interventi per favorirne l’allaccio. Gaia ha già dato la sua disponibilità a fornire il materiale per favorire gli allacciamenti delle utenze andando così incontro agli utenti. L’amministrazione sta facendo la sua parte nell’accelerare il potenziamento della rete fognaria ma anche i cittadini devono fare uno sforzo. La zona di Costamagra così come di Rebuto Riccio è servita in maniera capillare dalla fognatura: l’ordinanza che stiamo predisponendo obbligherà a farlo. Ci spiace dover utilizzare questi strumenti ma la salute pubblica, l’ambiente e la balneabilità delle nostre acque sono per noi priorità”.

Negli scorsi mesi l’amministrazione comunale aveva già utilizzato lo strumento dell’ordinanza per obbligare all’allacciamento 200 utenze tra Focette, Capriglia ed altre frazioni ed in particolare in via Astoria, via Cavour, via Fratelli Bandiera, via Italia, via Malta, via Milano, via Mameli, via della Chiesa, via Capriglia, via Barcaio e via Setteponti. La criticità periodica della balneabilità del nostro mare e della qualità delle acque è collegato anche alla parziale copertura sul territorio della rete fognaria, rete che è stata molto potenziata.

“Ci sono molte utenze – analizza il sindaco - che ancora oggi scaricano le acque bianche nelle acque nere, altre invece vice versa, e questo produce ulteriori criticità al nostro sistema ambientale e non solo all’acqua e al nostro mare”. Dal 2015 al 2019 sono state realizzate complessivamente 3,2 chilometri di fognature. Sono in programma tra la fine e l’inizio del 2021 altri interventi in via Valdicastello (zona Beppino), nel tratto di via Garibaldi compreso tra via Capezzano Monte e via Valdicastello fino al cimitero) e lungo il Viale Apua nel tratto compreso tra la rotatoria di via Unità d’Italia e la zona Laveno. Comune di Pietrasanta e Gaia hanno già pianificato gli interventi fino al 2023. Nella bozza di accordo figurano l’estensione fognaria in Via Fiumetto, per circa 300 metri a monte di Via Africa, la fognatura in Via Valdicastello in zona della “Trattoria Da Beppino”, le estensioni fognarie prioritarie di Focette in prossimità del Fosso Motrone e Via Traversagna, da Via Padule alla fognatura esistente per circa 200 m con realizzazione della stazione di sollevamento, la fognatura in Via Pisanica tra Via del Barcaio e Via Unità d'Italia in vicinanza del “Campo d’Atletica” per quasi 4 milioni di euro di lavori e 12 km di nuove tubazioni.

“E’ un lavoro colossale – conclude Giovannetti – che abbiamo programmato con il gestore idrico e che consentirà a porzioni importanti della nostra città sia in termini di efficienza che di impatto ambientale ma anche di migliorare lo stato di salute del mare e contribuire a garantire la balneabilità e la sicurezza delle acque costiere. E quindi di un settore indispensabile come quello turistico e balneare”.