Scuola: in 123 tornano al nido, Scubidù nuovo di zecca

Stampa, 2 set 12:56 ·
Vai a:   articolo principale       

Accessi scaglionati e percorsi personalizzati a seconda dell’ubicazione delle sezioni per evitare il contatto tra i diversi gruppi (classi), misurazione delle temperature all’ingresso da parte degli educatori della cooperativa, mascherina obbligatoria per gli educatori e pasti direttamente in sezione.

A Pietrasanta riaprono giovedì 10 settembre tutti i nidi comunali (Bambi, Aquilone e Castello), compreso lo Scubidù di Città Giardino, chiuso per lavori di manutenzione straordinaria dopo la scoperta di tracce di amianto nella pavimentazione, con l’inaugurazione in programma mercoledì 9 alle 10.00 alla presenza del sindaco, Alberto Stefano Giovannetti, e dell’assessore alla pubblica istruzione e lavori pubblici, Francesca Bresciani, e di tutti i membri della giunta. Il plesso è stato completamente rinnovato all’interno e all’esterno con un nuovo giardino e nuovi giochi.

I primi a rientrare nelle sezioni saranno i bambini che frequentavano già i nidi giovedì 10 settembre, per i nuovi iscritti invece l’inserimento dei bambini partirà da lunedì 14 settembre.

“Siamo pronti a ripartire nel rispetto di tutte quelle che sono le indicazioni ed i protocolli. – anticipa l’assessore alla pubblica istruzione, Francesca Bresciani – Rispetto al protocollo nazionale nei nidi gli educatori della cooperativa misureranno la febbre all’ingresso. E’ un ulteriore filtro a tutela di tutti”.

Accolte tutte le richieste di iscrizioni: “Sono 123 i bambini iscritti di cui 14 residenti nei comuni limitrofi. – fa sapere la Bresciani - Tutte le iscrizioni sono state accolte. Nessuno è stato escluso. Siamo orgogliosi di questo risultato”. L’assessore analizza le misure: “I ritardi nella definizione e comunicazione dei protocolli sono stati inaccettabili. – spiega ancora - Non puoi organizzare un servizio così importante, per il paese, per la comunità, dando indicazioni una settimana prima. Se oggi siamo nelle condizioni di garantire i servizi dei nidi, e così delle scuole, in sicurezza, è perché questa amministrazione si è messa al lavoro già da giugno coinvolgendo tutti gli attori in questo percorso per garantire il più possibile una normalità di continuità ai bambini. Voglio ringraziare personalmente gli uffici comunali, i dirigenti dei comprensivi, gli insegnanti e tutti coloro che in questi mesi faticosi, complicati e molto pesanti, hanno lavorato con noi per poter assicurare alle famiglie di Pietrasanta, ai bambini, di poter tornare in aula. Sarà un anno difficile, mettiamolo in conto, e prepariamoci come giustamente ha anticipato il nostro sindaco, perché il rischio zero non esiste. Dobbiamo essere pronti, a gestire le situazioni di volta in volta, e soprattutto ad essere responsabili per non vanificare gli sforzi che noi tutti stiamo facendo da mesi. La scuola mai più di oggi deve essere uno strumento di educazione al rispetto per i nostri figli nei confronti delle prescrizioni dettate e dei protocolli. Le famiglie devono aiutarci in questo percorso di consapevolezza e di maturità collettiva. Con orgoglio – conclude – torniamo alla normalità ma per farla restare tale serve la collaborazione di tutti”.