Sociale: tutela anziani ed adulti indigenti inabili, 240 mila euro per garantire collocamento nelle strutture

Stampa, 22 set 13:10 ·
Vai a:   articolo principale       

240 mila euro per la tutela degli anziani e degli adulti inabili. Via libera della giunta municipale di Alberto Stefano Giovannetti all’ultima trance di finanziamenti da 30 mila euro per continuare ad assicurare l’inserimento in strutture residenziali di anziani ed adulti non autosufficienti o con handicap grave. Attualmente sono 35 i soggetti che, attraverso il contributo comunale, possono accedere alle Rsa nel caso degli anziani non autosufficienti (28 utenti) o Rsd nel caso di soggetti con disabilità (7 utenti).

“Con questo ultimo impegno di spesa – spiega il vice sindaco ed assessore al sociale, Elisa Bartoli – potranno accedere alle strutture altri tre nuovi utenti in aggiunta a quello che già aiutiamo compartecipando al pagamento della quota sociale della retta giornaliera laddove le condizione di reddito o l’assenza di familiari che possano provvedere, viene meno. Si tratta di soggetti che vivono in condizioni di disagio economico che non sono autosufficienti a cui la comunità di Pietrasanta assicura assistenza, cure ed attenzioni. Quest’attività è solo una parte delle tante attività che la nostra amministrazione, e l’ufficio sociale, porta avanti quotidianamente e con grande riscontro. Aiutiamo ogni anno oltre mille famiglie. Anche in tempo di Covid siamo stati in prima linea”.

I numeri dell’ufficio sociale parlano da soli. Allo scorso 31 luglio erano state evase quasi 5 mila pratiche complessivamente per tutti i servizi erogati. “Due pratiche amministrative su tre sono straordinarie – analizza la Bartoli – e sono direttamente collegate al periodo dell’emergenza sanitaria e alle conseguenti necessità delle famiglie. E’ stato fatto, e lo dico con grande orgoglio, un lavoro straordinario. Abbiamo pubblicato diversi bandi a sostegno di imprese e cittadini, altri sono in fase di elaborazione, e soprattutto abbiamo erogato i buoni spesa con grandissima rapidità grazie al lavoro di coordinamento con la Consulta del Volontariato. Ci tengo a ringraziare personalmente la responsabile dell’ufficio sociale, Loreta Polidori e tutti i dipendenti, il Presidente della Consulta del Volontariato, Andrea Galeotti ed i tanti volontari. La città ha dato prova di grande coesione”.