Eventi: Pietrasanta conferma il Design Weekend, prima edizione dal 23 al 26 settembre

Stampa, 15 ott 09:31 ·
Vai a:   articolo principale       

Buona l’anteprima del Pietrasanta Design Week-end. La Piccola Atene è pronta a puntare con decisione anche su design, architettura e innovazione per diversificare la sua proposta culturale e al contempo costruire nuovi link e nuove opportunità per il territorio. Il “bozzetto” dell’evento che sarà nel settembre del 2021 (dal 23 al 26 per la precisione), ammirato nel weekend di Libropolis, è perfettamente in linea con il concetto di sviluppo e crescita della città secondo l’amministrazione comunale di Pietrasanta. La Vanity Fair di “Poltrona Frau” in Piazza Duomo, fotografatissima ed instagrammata, è solo uno degli elementi di curiosità inseriti nel contesto cittadino intorno ad un evento che lega, già oggi, Pietrasanta a Courmayeur.

La nuova kermesse, voluta fortemente dal sindaco, Alberto Stefano Giovannetti, è organizzato dallo Studio Coronel. “L’anteprima ci ha permesso di intravedere le potenzialità di un evento che ha contenuti di grande qualità che richiamano un target di utenti e visitatori per noi molto interessante. Il nostro compito – spiega il primo cittadino - è anche quello di creare connessioni che possono ulteriormente valorizzare e promuovere la città in chiave turistica ed economica. Stiamo lavorando per proporre una città in grado di comunicare e promuoversi tutto l’anno. Una meta adatta per tutte le stagioni. Ringrazio Paola ed il suo staff per averci fatto intravedere il futuro della Design Week-end a Pietrasanta”.

Una trentina le aziende del settore invitate ed accompagnate a scoprire gli angoli più affascinanti di Pietrasanta. Nel complesso di Sant’Agostino, illuminato per l’occasione da Davide Groppi, si è tenuto sabato sera un confronto tra architetti-autori moderato da Giorgio Tartaro e animato da Alfonso Femia, Massimo Roj, Livio Sacchi e Aldo Parisotto con Massimo Formenton.

Le cave di marmo, scenografie naturali per installazioni mozzafiato sono state nel weekend lo sfondo per un brain-storming en plain air, dopo l’arrivo dello chef Luca Berolatti e del suo food-truck che hanno trasformato una cava abbandonata, in una location accogliente e a prova di Covid.

Il CAV, il Centro delle Arti Visive ex sede del monastero di San Francesco del XVI secolo è stato un altro dei punti focali di questa edizione. Nel bellissimo giardino interno, grazie al supporto di Cosmave, che ha creato e portato dei blocchi di marmo irregolari, i visitatori potevano scoprire uno dei leitmotiv delle Design Weekend: la mostra “Design Loci” in cui gli oggetti di design dialogano in varie modalità con il paesaggio.

A Pietrasanta si è scelto di utilizzare alcune miniature, prestate per l’occasione da brand consolidati del calibro di Vitra, Alessi e Poltrona Frau e brand emergenti come ED Lightning e Simona Manzini, che inserite in teche trasparenti, dialogavano con scatti fotografici del paesaggio di Pietrasanta sullo sfondo. In questa carrellata di location, che nel 2021 saranno teatro di eventi più importanti e speriamo per un pubblico più numeroso, non poteva mancare il MuSA (Museo Virtuale della Scultura e dell’Architettura).

Courmayeur, che per prima ha creduto e ospitato la Design Weekend ha voluto esserci per raccontare, anche a pochi passi dal mare, la bellezza del suo paesaggio. “The voice of the Glacier” l’installazione di Caterina Gobbi (giovane artista valdostana, che vive e lavora tra Courmayeur e Berlino) ha letteralmente immerso i visitatori nei grandi crepacci del ghiacciaio del Monte Bianco, utilizzando immagini e suoni registrati e campionati proprio sulle vette del massiccio. Un simpatico lunch party ha poi contribuito da un lato a far scoprire il sapore della tradizione culinaria valdostana e dall’altro a creare quel clima conviviale, utile per creare sinergie tra i brand presenti anche per la prossima Courmayeur Design Weekend, in programma per il 4/7 febbraio 2021. Sempre al MuSA, tra reale e virtuale, un’installazione sul mondo dell’alpinismo di ieri e di oggi, in cui piccozze, corde e ramponi, raccontano l’evoluzione di un mondo che grazie al design, ha saputo evolversi ed innovarsi in modo incredibile (con il supporto del Museo Alpino Duca degli Abruzzi e della Grivel Mont Blanc).

Dalle Alpi al mare il passo è breve e parlando di Versilia e design non poteva mancare il coinvolgimento di Sanlorenzo Yachts. Con la flotta MINI per la Design Weekend abbiamo raggiunto La Spezia e visitato il nuovo quartier generale della Sanlorenzo, progettato da Piero Lissoni. Un giro tra i megalitici cannoni del cantiere e un brindisi al compasso d’Oro appena vinto. Sanlorenzo Yachts, grazie all’impulso impresso da Sergio Buttiglieri, ha fatto in questi ultimi anni un’importante virata verso il design, aggiungendo cultura e bellezza al sapere tecnologico. Pur in un momento storico di grandissima incertezza, come quello che stiamo vivendo, Design Weekend guarda avanti con ottimismo e con la consapevolezza che il suo format, basato sulla qualità e non sulla quantità, possa essere la chiave vincente utile a molte aziende e a molti comuni, che con resilienza cercano strade nuove da percorrere.

Il progetto Design Weekend è ideato e coordinato da Studio Coronel con la collaborazione di 967arch.