#Pietrasanta365: autunno d’arte e mostre, la Piccola Atene ha la più alta concentrazione di spazi espositivi al mondo (1 ogni 40 metri)

Stampa, 20 ott 11:58 ·

Pietrasanta ha il centro storico con la più alta concentrazione di spazi espositivi in Italia e probabilmente al mondo. Con 40 spazi espositivi tra gallerie ed atelier in circa 1600 metri lineari di sviluppo delle strade cittadine principali, per la precisione una ogni 40 metri, il piccolo centro storico della città di Pietrasanta che risale al XIII secolo non ha eguali per rapporto gallerie-metri quadrati.

A certificarlo è un censimento effettuato dal Comune di Pietrasanta in collaborazione con le Gallerie d’Arte. La presenza di numerose gallerie si intreccia perfettamente con una straordinaria vivacità culturale e museale, all’alta gastronomia con decine di ristoranti, osterie ed una ricettività di grande qualità: elementi che fanno di Pietrasanta un posto perfetto ogni mese dell’anno come certificato anche dall’ultimo numero della rivista Forbes.

Ma torniamo al censimento che tanto sta facendo parlare. Qui il servizio del Tg3

A distanza di cinque anni il settore ha continuato ad evolversi e crescere grazie all’esuberanza culturale di una città che deve la sua fama alla storica presenza dei più capaci artigiani, di quasi cinquanta laboratori artistici per la lavorazione del marmo e del bronzo (altro primato nazionale) e alla presenza dei più grandi artisti contemporanei come Fernando Botero, Jeff Koons, il compianto Igor Mitoraj, il cui museo è in corso di realizzazione proprio a Pietrasanta, Kan Yasuda e tanti altri che hanno realizzato e continuano a realizzare qui le loro opere. Le gallerie sono principalmente concentrate tra via Stagio Stagi, via del Marzocco, via Garibaldi, via Mazzini e Piazza Duomo diventata negli ultimi decenni la principale sala espositiva naturale della città storica.

Le gallerie, con la loro proposte e sempre nuovi allestimenti, rappresentano motivazioni molto forti per turisti e curiosi che scelgono Pietrasanta e la Versilia anche per tuffarsi in inverno, è il caso di dirlo, nella cultura di una cittadina che ha costruito la sua fama sulla scultura e sulla sua storia.

Non solo gallerie. Sono quattro le mostre proposte dal Comune di Pietrasanta, che a fianco dei musei cittadini (Museo dei Bozzetti, Museo Archeologico Bruno Antonucci, Museo Barsanti), completano un’offerta unica in Italia.

A caratterizzare l’inverno d’arte è fino 7 febbraio, feste di Natale comprese, il Tempo dei maestri della scultura ceramica Bertozzi & Casoni con uno speciale allestimento pensato appositamente per gli spazi del complesso del Chiostro e della Chiesa di S. Agostino. Le 19 opere selezionate scandiscono un percorso antologico nell’articolata opera dei due artisti, che nel corso della loro carriera artistica, hanno saputo conferire alla ceramica una dignità tale da farla entrare di diritto nel panorama delle arti maggiori.

Nella Sala del San Leone c’è la collettiva EstremA Oriente (aperta sabato e domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.30, il martedì, mercoledì e giovedì dalle 16.00 alle 19.30. Lunedì chiuso), nella Sala delle Grasce Scultura come paesaggio del giovane Tommaso Milazzo nella Sala delle Grasce e nella Sala Puti e Sala del Capitolo De Rerum Natura nell’anno del ventennale dalla nascita di Asart (Artisti Scultori Associati) nel Chiostro di S. Agostino.

Per chi è alla ricerca della cultura en-plein-air c’è il Parco della Scultura Contemporanea con percorsi da fare a piedi, in bici o in auto.

La cultura a Pietrasanta è gratuita, libera e disponibile tutto l’anno.

Per essere aggiornato su tutti gli eventi

Sito: www.comune.pietrasanta.lu.it

Pagina ufficiale Facebook “Comune di Pietrasanta”

Gruppo Facebook “Pietrasanta Eventi”

Instagram “Pietrasanta Eventi”

Servizio di messaggistica WhatsApp al numero di telefono 366 699 3039 inviando un messaggio con il seguente testo: “Attiva iscrizione – Nome e cognome – Città di residenza” (esempio: Attiva iscrizione Mario Rossi Pietrasanta).